Capitolo 6

“Oggi è il grande giorno!” le disse Eric dal bancone della cucina quando Vanessa lo raggiunse la mattina dopo. Vanessa aprì lo sportello del frigo senza rispondere, cercando di nascondere dietro un’espressione tranquilla l’ansia che le attanagliava lo stomaco. “So che non sembra così, ma l’università di Omaville non è poi così speciale.” “Tranne per…

Continua a leggere

Capitolo 5

Il parcheggio dell’università era molto più affollato di quanto Vanessa aveva sperato, ma non fu quello a metterla a disagio. No, a metterla a disagio erano tutti gli occhi che si erano puntati sulla macchina di Eric nel momento in cui era entrata nella zona universitaria. Quasi si stupì di non vedere le persone muoversi…

Continua a leggere

Capitolo IV

Quando Vanessa si svegliò, fuori dalla finestra era buio pesto. Il suo telefono segnava le tre di notte, il che voleva dire che aveva dormito per più di dieci ore, senza sentire Eric e Matthew che si muovevano per la casa. Il suo primo desiderio fu di farsi una doccia, ma non voleva svegliare i…

Continua a leggere

Capitolo III

Quando Chris accostò la macchina ad un vialetto, Vanessa si rese conto che la casa che aveva di fronte era uguale a tutte le altre che aveva visto quando era passata quella mattina. Era una villetta anonima su due piani, con un piccolo giardino davanti tanto curato e spoglio quanto lo era la veranda, la…

Continua a leggere

Capitolo I

Queste case sembrano così normali.   Il primo pensiero di Vanessa, mentre attraversava l’ennesima via sconosciuta, fu quello. Per quanto ci provasse, non riusciva a non confrontare quelle case, tutte alte uguali, tutte bianche, tutte fornite di una piccola veranda e un prato tagliato alla perfezione, con la sua. I mattoni rossi, che piacevano tanto…

Continua a leggere